Per l’identità e la reputazione di Milano

  1. I sottoscritti, rappresentanti legali o comunque delegati alla firma del presente atto, in rappresentanza di soggetti operanti per la pubblica utilità e al servizio di interessi generali della Città di Milano, nella consapevolezza del rilievo che l’evoluzione della tematica identitaria connessa all’immagine della Città assume nel quadro di eventi – interni o esterni alla comunità – con la necessità di un continuo lavoro di raccordo e di sintesi nel pluralismo vocazionale e culturale di anime diverse della società in rapporto alle istituzioni, prendono atto con vivo apprezzamento del lavoro fin qui svolto con spirito civile dal Comitato Brand Milano, attivato dal Sindaco della Città su questa materia e si costituiscono in nucleo promotore di un nuovo soggetto – in questa prima fase associativo e tendente a forme stabili di aggregazione – che ha la missione di proseguire in modo costante l’operato al servizio delle finalità descritte nell’interesse generale della Città e della sua cittadinanza.
  2. In particolare essi acquisiscono come elemento caratterizzante la missione del nuovo soggetto associativo l’elaborazione fin qui sviluppata – e resa pubblica – da detto Comitato e si impegnano a sostenere la trasformazione organizzativa, scientifica e professionale dell’esperienza svolta al fine di provvedere, in modo raccordato e funzionale, alla messa a fuoco delle tematiche identitarie e reputazionali della Città. Ciò nel contesto territoriale e istituzionale locale, nazionale e globale; a fronte di eventi che ne coinvolgono in modo profondo l’immagine e a fronte di mutamenti significativi del rapporto che lega la città e la sua complessa utenza al patrimonio simbolico collettivo, materiale e immateriale.
  3. Tale sostegno si esprime nel conferimento, a far data dall’1 ottobre p.v., di quote associative, risorse professionali e strumenti di servizio nel quadro di un progetto di operatività che nasce da un programma di iniziative al servizio precipuo della città e della sua principale istituzione democratica, con la decisione di rendere operativa questa volontà – convenuta nel corso di un approfondimento istruttorio svolto alla presenza del Sindaco della Città a Palazzo Marino il 22 settembre c.m.  –  secondo forme e modalità che lo stesso Comitato Promotore che si va costituendo tra i sottoscritti deciderà, approvando uno Statuto e una forma di regolamentazione operativa.
  4. Si intende che il quadro dell’operatività – che avrà il sostegno di un qualificato organo scientifico promosso dall’impegno dichiarato attorno al progetto dal presidente coordinatore dei Rettori delle Università della Lombardia – terrà conto delle necessità di analisi e di progettazione di cui il Comitato Brand Milano ha dato fin qui prova, al fine di investire tanto il momento elaborativo e di ricerca quanto quello della proposta di soluzioni  tese a migliorare il profilo informativo e comunicativo in cui l’interesse della Città si offre all’attenzione della cittadinanza e dell’opinione pubblica, con scopi generalmente orientati all’attrattività della Città.
  5. Alla luce dell’imminenza dell’impegnativo semestre rappresentato da Expo 2015 e altresì dall’imminenza dell’avvio della Città Metropolitana il Comitato promotore considera opportuno e urgente che l’attività qui indicata abbia con immediatezza un presidio organizzativo, snello e qualificato, raccogliendo  le sinergie – in particolare costruite attraverso convenzione tra il Comune e la Triennale di Milano – e di recente sperimentate. Creando le condizioni per una parallela verifica delle modalità di esercizio della comune responsabilità vigilante e di indirizzo che i sottoscritti si impegnano di esercitare.
  6. Consapevoli, infine,del rilievo strategico rappresentato dalla partecipazione a questa iniziativa di soggetti rilevanti nel quadro sociale, economico e culturale della Città,espressione del pluralismo delle identità e delle vocazioni, i sottoscritti costituiti in Comitato promotore si impegnano a favorire l’ampliamento dell’accesso al loro patto associativo creando – prevedibilmente entro un anno – un più ampio perimetro di iniziativa partecipata nelle forme idonee che insieme si vorrà convenire.

Milano, 8 ottobre 2014

Sottoscrivono:

  • Per l’Amministrazione Civica della Città di Milano
  • Per A2A
  • Per ATM
  • Per Fondazione Fiera Milano
  • Per MM
  • Per SEA
  • Per Triennale di Milano
  • Per Università degli Studi di Milano

(anche nella qualità di Coordinatore dei Rettori della Lombardia)