Massimo Campigli (Max Ihlenfeldt)

Berlino 1895-Saint-Tropez 1971. Al Corriere nel 1914, aderisce al Futurismo con pseudonimo italiano. Volontario in guerra. Prigioniero degli austriaci, fugge in Russia nel ’17, dopoguerra a Milano al Corriere. Corrispondente da Parigi, frequenta artisti a Montparnasse. Espone a Parigi, Roma e dal ‘26 a Milano. Poi lascia il giornalismo per la pittura. Decora Padiglione italiano (Expo ’36). Lascia Milano per Parigi nel ’49. Negli anni ’60 mostre personali nel mondo.

Remo Cantoni
Davide Campari